Incontro con l'autore


Si è da poco concluso  il progetto  Incontro con l’autore 2019-20, a cura del Dipartimento di Lettere del Liceo Galilei,  che quest’anno ha visto come ospiti  due  scrittrici:  Rosella Postorino,  autrice di Le assaggiatrici (Feltrinelli), premio Campiello 2018  e Valeria Ventura, autrice di Le innocenti (Tozzuolo),  Premio Fulgineamente 2019.

Anche questa volta  i due eventi si sono svolti, rispettivamente il 6 e l’11 febbraio, nella splendida cornice della Sala dei Notari, messa  gentilmente a disposizione  dal Comune di Perugia:  prima  180  studenti del triennio     e  poi 120 studenti delle prime tre classi   hanno  avuto l’opportunità di dialogare con le due ospiti, rivolgendo loro domande e commentando le loro opere in diretta, in forma  grafica , con disegni e fumetti o anche con recensioni scritte.

Con il suo libro Rosella Postorino  si è inoltrata nell’insidioso terreno dell’analisi dell’agire umano e della sua radicale ambivalenza in condizioni di assenza di libertà.  In particolare la storia , che vedrà  prossimamente anche una trasposizione cinematografica, con  la regia di Cristina Comencini, riprende e rielabora  una vicenda realmente accaduta, ma poco nota dell’universo  hitleriano: quella dell’esistenza  di un gruppo di donne-cavie  tedesche, vissute per più di  due anni  fino alla fine della guerra a  uso e consumo del dittatore. Attraverso il racconto dell’esperienza della protagonista  Rosa Sauer e delle altre assaggiatrici dei pasti destinati al tiranno nazista , la scrittrice ci immerge in una storia che è insieme romanzo storico e d’introspezione, fatto di coercizione, paura, fame di cibo e sentimenti, disperata solitudine, ma anche  solidarietà femminile, amicizia ricercata e tradita, finanche una storia d’amore,  in cui la netta separazione tra bene e male  lascia spazio all’esigenza più profonda e irrisolta di comprendere ciò che è umano  in ogni dove.

Foto Postorino

Caratterizzato da una  diversa collocazione spazio-temporale è il libro di Valeria Ventura, un romanzo  ambientato nella Perugia del primo ventennio del XVI governata, di fatto, dal casato dei Baglioni ma in preda a sanguinose rivalità familiari e  lotte per il  potere, e ad una inaudita violenza che travolge in varie forme  la vita dei diversi ambienti e personaggi. In questo contesto storico , rigorosamente ricostruito nei dati   e in alcuni luoghi simbolo della città (un palazzo nobiliare, un convento, un lago poco distante), emergono i percorsi  paralleli di tre donne, diverse  per rango sociale, cultura ed esperienze di vita. Nel corso della narrazione, che fa proprie anche  le tonalità del  noir,  un’ebrea, una popolana e una nobile cadetta, prima vittime designate di un sistema che nega qualunque legittimità alle loro volontà e ai loro desideri, intrecceranno in maniera imprevista i loro destini  riuscendo,  seppure non senza pagare un elevato prezzo  individuale, a trovare ciascuna una personale forma di riscatto e di rinascita.

foto Ventura

L’appuntamento con gli autori della letteratura contemporanea  è per il prossimo anno!